10/05/2018 16:41:26

comunicati

Servizi socio-assistenziali.

Incontro stamane tra l'amministrazione comunale di Trento e Cgil Cisl Uil del Trentino

Per i sindacati si possono superare gli appalti. Il Comune chiede regole certe negli affidamenti. Aperto il confronto su come valorizzare la qualità dei servizi e del lavoro.

Si è tenuto stamane un incontro tra le organizzazioni sindacali Cgil Cisl Uil del Trentino e l’amministrazione comunale di Trento. Tema del confronto, sollecitato dal sindacato confederale, è stato quello dei servizi socio-assistenziali a favore di minori, disabili e anziani e della loro gestione dopo il varo del regolamento provinciale di accreditamento.

Al Sindaco Alessandro Andreatta e all’assessora alle politiche sociali Maria Chiara Franzoia la delegazione sindacale composta da Andrea Grosselli (Cgil), Giampaolo Mastrogiuseppe e Roberta Piersanti (Fp Cgil), Michele Bezzi (Cisl), Lamberto Avanzo (Fisascat Cisl) e Marcella Tomasi (Fpl Uil) ha chiesto di operare affinché, da qui alla piena operatività del nuovo sistema di accreditamento degli enti del terzo settore, si scrivano nuove regole per superare i meccanismi degli appalti quando di affida un servizio sociale a cooperative sociali o al terzo settore.

Per le organizzazioni sindacali infatti c’è il tempo da qui a fine 2018 e ci sono gli strumenti per raggiungere questo obiettivo. “Con il nuovo codice del Terzo Settore e grazie all’attuazione della legge provinciale sulle politiche sociali - hanno ribadito i sindacalisti di Cgil Cisl Uil - superare l’appalto è possibile. Ed è possibile innovare le modalità di affidamento inserendo strumenti di valutazione della qualità del lavoro e dei servizi agli utenti nella massima trasparenza amministrativa e senza violare le regole della concorrenza. Il Comune di Trento può esercitare un ruolo di guida nei confronti degli enti locali e nel rapporto con la Provincia perché negli anni ha sempre puntato a servizi di qualità”.

Sindaco e assessore alle politiche sociali del capoluogo hanno ribadito la necessità di regole chiare sugli affidamenti fissate a livello provinciale e valide per tutti gli enti locali. Il Comune è parte attiva nei  tavoli per la definizione delle linee guida provinciali sui servizi socioassistenziali affidati al Terzo Settore, ma a sua volta ha bisogno di avere indicazioni precise su come operare, considerato che molti servizi sono affidati in proroga da diversi anni. Sarà decisivo il lavoro dei prossimi due mesi per definire la cornice entro la quale assumere le decisioni in merito al rinnovo degli affidamenti.

Il Sindaco Andreatta e l’Assessora Franzoia hanno infine ribadito la disponibilità di mantenere aperto il confronto con le organizzazioni sindacali ma anche con il Terzo Settore, per provare a condividere criteri per valutare la qualità dei servizi offerti agli utenti e aumentare la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.

A conclusione nell’incontro, Cgil Cisl Uil del Trentino hanno condiviso gli intenti dell’amministrazione comunale e ribadito la necessità di proseguire il confronto, anche coinvolgendo gli altri enti locali.


Trento, 9 maggio 2018




quest'articolo è stato letto 156 volte

In evidenza

NOVITA' INAS
dal 1 gennaio 2018
alcune prestazioni a pagamento

Visualizza volantino INAS
Visualizza tariffario INAS


VERSIONE DEFINITIVA
SOSTITUISCE LA PRECEDENTE

PASSO DOPO PASSO
Dopo un anno dall'intesa sulla previdenza

Visualizza volantino definitivo
PASSO DOPO PASSO


LAVORO.
"Nessuno sarà lasciato solo"

"Politiche attive?
Le 10 cose che devi sapere"

POLITICHE ATTIVE piegevole



APPROVATO
IL CODICE ETICO DELLA CISL

Il 16 dicembre 2015 il Consiglio generale nazionale ha approvato il Codice Etico della Cisl.




DOVE SIAMO



via Degasperi, 61
38123 Trento (TN)
tel. 0461 215111
fax 0461 237458

Scrivici: contatti


Visualizza CISL DEL TRENTINO in una mappa di dimensioni maggiori