Servizi

VISITA IL SITO PER CONOSCERE
LE ULTIME NOVITÀ

www.cislservizitn.com


E' TEMPO DI 730 !!!

flyer 730_2019




NOVITA' INAS
dal 1 gennaio 2018
alcune prestazioni a pagamento

volantino INAS
Tariffario INAS


www.edizionilavoro.it

19/04/2019 18:07:17

comunicati

Maltempo, no all'assunzione di operai "giovani" con il Progettone

Cgil Cisl Uil: in questo modo si rischia di fare dumping verso altri lavoratori. I nuovi lavoratori vanno assunti con il contratto dei forestali
“Il Progettone è utilissimo, ma non può essere snaturato nelle sue finalità per logiche di convenienza. Per questo non siamo d'accordo all'ipotesi della Provincia che punta ad assumere trenta nuovi operai forestali, peraltro tutti non prossimi alla pensione, per le operazioni di ripristino attraverso il contratto del Progettone. Quel personale va inquadrato con i contratti privatistici previsti, come quello degli operai forestali o dei bacini montani”. E' netta la posizione di Cgil Cisl Uil con Flai, Fai e Uila del Trentino sulla proposta emersa al tavolo sul maltempo nell'ultima riunione in merito all'assunzione di nuovo personale per le operazioni di ripristino del territorio. “Abbiamo sempre sostenuto e continuiamo a credere che il Progettone è uno strumento prezioso, ma ha dei paletti ben precisi che non possono essere vincolanti o non vincolanti in base alle esigenze del momento – dicono i tre segretari generali Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti con i segretari di categoria Maurizio Zabbeni, Fulvio Bastiani e Fulvio Giaimo -. E' giusto che per le operazioni di ripristino sia assunto nuovo personale. Verranno assunte persone che con le caratteristiche del Progettone non hanno nulla a che fare, non ha senso inquadrarle applicando un contratto che serve per l'accompagnamento dei disoccupati anziani alla pensione o per l'inserimento lavorativo di soggetti deboli. Ricorrere al Progettone equivarrebbe a fare dumping”.
 
I sindacati ricordano che ci sono già diversi casi di impiego dei lavoratori del Progettone in situazioni limite, quasi a sostituzione del personale comune. “Questa logica non va bene e compromette il valore stesso della misura – insistono i segretari - . Abbiamo manifestato le nostre perplessità all'assessore Spinelli e ai tavoli tecnici. Ci auguriamo che si tenga conto delle criticità che abbiamo evidenziato e che si scelga, in questo caso specifico, di fare ricorso al giusto contratto di riferimento, cioè quello degli operai forestali o dei bacini montani”.
 
Sullo sfondo resta l'importante tema della sicurezza per questi lavoratori. “Serve massima attenzione alla sicurezza di questi addetti. Il loro è uno dei settori a maggiore rischio e in questa fase occorre prestare la massima attenzione a tutte le misure di formazione e prevenzione”, concludono i sindacalisti.

 


Trento, 19 aprile 2019

 

Allegati:

  Comunicato




quest'articolo è stato letto 101 volte

DOVE SIAMO



via Degasperi, 61
38123 Trento (TN)
tel. 0461 215111
fax 0461 237458

Scrivici: contatti


Visualizza CISL DEL TRENTINO in una mappa di dimensioni maggiori